Oggi vorrei raccontarti un po' sul mio percorso stage in Danimarca. Attualmente sto frequentando il quarto semestre della mia AP degree, e durante questo semestre dobbiamo completare un periodo di stage in un'azienda nel dipartimento di marketing.

Il percorso stage dura 12 settimane e si devono completare un totale di 444 ore. Lo stage si può fare ovunque nel mondo, ma dato che sono solo 3 mesi ho deciso di completare questo percorso in Danimarca.
Ho fatto questa scelta perché non volevo, rinunciare all'alloggio o al mio lavoro per soli 3 mesi all'estero.
Per cercare lo stage mi sono affidata ad un ufficio che aiuta gli studenti e i cittadini a cercare lavoro e si trova all'interno dell'università. Ho accettato sin da subito la prima proposta che ho ricevuto perché mi hanno attirato le possibilità di mettere alla prova le mie capacità e conoscenze.

Ho deciso quindi di fare lo stage in una start-up che si trova all'interno dell'università stessa, quindi molto vicino a casa. La start-up si chiama Hang Products e opera nel mercato B2B, ed è composta da una sola persona Niclas, il proprietario e ideatore di Hang, un prodotto molto utile per chi ama la palestra.
Nell'azienda mi occupo di tutti gli aspetti legati al sito web, posizionamento, contenuti, social media e anche del reparto vendite.

Ho iniziato lo stage da 3 settimane e ho avuto modo di applicare tutte le conoscenze acquisite da Trendhim. Ho migliorato i contenuti sul sito, e del canale YouTube e ho lavorato anche sul posizionamento online. Anche se l'azienda opera nel mercato B2B, penso sia molto importante avere un sito web buono con un buon posizionamento.

Nelle prossime settimane mi occuperò anche delle vendite a livello internazionale, dato che non parlo la lingua danese :). Niclas è a carico del mercato danese.

Il team di Hang Products, da sinistra Niclas, io e Matej

Mi sono dimenticata di precisare che faccio lo stage assieme ad un mio compagno di classe che si occupa principalmente delle vendite, Matej. Quindi almeno per questo mese Hang avrà 3 dipendenti :).

La cosa più difficile è quella di conciliare il lavoro a Trendhim con quello a Hang. Quando ho iniziato lo stage ho deciso con Niclas che sarei andata un giorno a lavorare da Trendhim. Presto mi sono resa conto quanto stancante questo possa essere. Giornalmente lavoro 7,5 ore da Hang, e il mercoledì vado da Trendhim dove lavoro 10 ore. Il mercoledì mi sveglio alle 5,30 e arrivo a casa intorno alle 19, dopodiché crollo in un sonno profondo e spero che i miei compagni di appartamento non facciano così. Dato che devo lavorare 12 ore alla settimana, altri 2 giorni alla settimana mi sveglio alle 5.30, scappo da Trendhim, lavoro un'ora e poi vado da Hang dove, lavoro fino alle 17 circa. Non voglio assolutissimamente lamentarmi perché mi piacciono entrambi i miei lavori solo che è un po' stancante.

Vorrei precisare che ho scelto di fare il percorso stage perché volevo mettermi alla prova e sopratutto  tutto ciò che ho imparato da Trendhim e quello che appreso durante il mio percorso studi.

Scriverò un altro post al termine dello stage, nel quale racconterò molte più cose.

Alla prossima
 Georgia :)



Read More

Come menzionato in un post precedente dal 2016 studio marketing management in Danimarca, al Via University College e penso sia arrivato il tempo di raccontarti un po di cose sulla mia università. 

Quando ho presentato la domanda d'iscrizione, il corso di marketing di Via era al primo posto tra le mie preferenze, seguito dalla Business Academy, la Aarhus university e Aalborg university. Ho conosciuto Via grazie ad un'amico di famiglia che studia ingegneria meccanica e me ne ha parlato molto bene ma ora vorrei dirti il perché rifarei la mia scelta. 

Io studio nel campus di Horsens, che è anche il più internazionale, gli altri campus dove sono presenti corsi in inglese si trovano a Herning e Aarhus. 
La cosa che mi piace di più dell'università è la struttura, molto grande, con tantissimi spazi comuni, classi grandi e dotate non solo di lavagne ma anche di proiettori. il mio posto preferito è il tetto, dal quale si può vedere la città e il piccolo fiordo. 

Quali sono i corsi per gli studenti internazionali

Via offre tantissimi corsi in lingua inglese e la maggior parte sono corsi di ingegneria. Non spiegherò tutti i corsi di laurea perché la descrizione migliore si trova sul sito, ma ciò che ti posso dire e che tutti i corsi non sono solo teorici ma anche molto pratici, questo da la possibilità allo studente di essere preparato al meglio per il mondo del lavoro. Ovviamente alcuni corsi sono molto più impegnativi rispetto ad altri.
Ti lascio qui l'elenco dei corsi di laurea in lingua inglese con i link così sarà più facile trovarli. 

  1. VIA Architectural Technology & Construction Management;
  2. VIA Marketing Management - questo è un Academy Profession Degree di 2 anni e per completare il percorso di laurea si deve fare un top-up di un anno e mezzo. Se siete interessati a questo corso potete leggere l'intervista di Adriana e Jurgita
  3. VIA International Sales & Marketing Management - questo è uno dei top-up per chi ha fatto marketing management;
  4. VIA Value Chain Management;
  5. VIA Design - qui trovate tutti i corsi proposti dall'università. Anche in questo caso i programmi sono divisi in ap degree e top-up;
  6. VIA Civil Engineering
  7. VIA Global Business Engineering
  8. VIA Software Engineering - potete leggere le interviste di Mike e Sara 
  9. VIA Materials Science & Product Design
  10. VIA Mechanical Engineering - potete leggere l'intervista di Luca 
  11. VIA Supply Engineering 
Per poter chiedere più informazioni riguardanti i corsi, potete contattare direttamente il dipartimento, iscrivervi al gruppo facebook 'Keeping up with Via University College' oppure scrivere una mail a Helle (heys@via.dk). 

Ciò che mi piace e non mi piace della mia università

Come in tutte le università si trovano aspetti positivi e negativi, ma devo confessare che quelli negativi sono davvero pochi. Ecco alcuni aspetti positivi del Via University College:
  • L'università è aperta 24 ore su 24 per gli studenti, che possono accedervi tramite la tessera personale;
  • Si possono utilizzare tutte le attrezzature presenti nelle aule e non solo, come per esempio: proiettori stampati 3D, laser cutter, arduino (questi ultimi solo dopo aver ricevuto un patentino);
  • Ci sono anche sale prova che possono essere prenotate;
  • C'è un ufficio ict, che offre assistenza, e se il proprio computer si rompe, viene riparato gratuitamente e lo studente usa un computer sostitutivo. 
  • Tutte le lezioni vengono caricate sulla piattaforma personale dello studente, dove si può vedere anche l'orario, che viene organizzato per l'intero semestre; 
  • Tutti i programmi office e  altri software sono disponibili gratuitamente per tutta la durata degli studi; 
  •  Il rapporto con i professori è informale e quest’ultimi spronano costantemente lo studente ad esprimere le proprie idee ed opinioni;
  • L'iscrizione agli esami è automatica e non coincidono quasi mai;
  • Durante gli esami non vengono chieste definizioni, ma si deve applicare tutto ciò che si impara in teoria, come anche durante tutto il semestre e si possono utilizzare libri, appunti e internet (ci sono alcune eccezioni)
  • La biblioteca universitaria è aperta anche essa 24 ore su 24 in quanto ci si può accedervi con la tessera personale;
  • L'università ha un bar gestito dagli studenti chiamato Campus Café; 
  • L'università ha anche delle docce;
  • Gli alloggi universitari si trovano a 3 minuti a piedi dall'università o in centro città;
Gli aspetti negativi che ho riscontrato riguardano solo gli esami: 
  • Come menzionato anche sopra, l'iscrizione agli esami è automatica e quindi non si può scegliere la data;
  • Ci sono solo 3 tentativi per passare un esame dopodiché si può essere espulsi dall'università (ovviamente dipende dalle situazioni, se non studi sei fuori), la cosa positiva e che non esiste il fuoricorso;
  • Non si possono rifiutare i voti; 
  •  Alcune volte non viene dato alcun riscontro dopo aver fatto l'esame, nel mio caso per esempio, dopo aver fatto un esame scritto, non ho ricevuto alcuna spiegazione riguardante il mio voto, e i professori si sono giustificando dicendo che in passato, gli studenti ricevevano il riscontro ma non miglioravano e hanno deciso di non inviare più alcun riscontro;
Sono soddisfatta della scelta fatte e non tornerei mai indietro, spero solo di riuscire ad imparare il danese in modo tale da poter inserirmi al 100% nella comunità. 




Read More
Next PostNewer Posts Previous PostOlder Posts Home