Hi, 
today I want to present you Karoline, a Danish girl that decided to everything to reach her goal, even doing a teaching experience in China. She wasn't accepted at the university the fist time she applied, because of some paper mistakes, and she decided to improve her personal skills and her curriculum. But I won't say more and I will let you read her story :)


Tell me more about your study background.

I attended high school in Aarhus because I am originally from there. I did a classic high school and I studied Chinese, English and social studies, which was my major studies.

After high school, did you decided which university you wanted to attend?

Yes, I applied to Via university college to study Social Education, but unfortunately, I wasn’t accepted because I did a mistake on my paper. I had to wait a year before I could’ve applied again and I had a job that I upgraded to a full-time job. While working, I was searching for things that I can do to get my application better and I found a website about a China where I could go and teach English to school kids. And I went to China for one year. I thought English to young kids, between 1 and 3 years old and preschool kids.

Did people speak English?

Very few, some of the parents spoke English and only one teacher in the school. Sometimes it was difficult to express yourself and to understand each other. It was a difficult experience because of the language barriers and the way they wanted me to teach and the way I was used to teaching English. I lost energy and time to understand how they wanted me to teach English and they also advised me to go to other classes and see the way they teach. And after some time, I started to build a new teaching method and everything was ok in the end.

Did you need any specific diploma to teach English in China?

No, high school diploma was enough with a level A. We have three years of high school in Denmark and if you finish all 3 years is called A-level, if you finish 2 years is B-level, and one year is C-level. While I was attending high school, I attended an online course and had a diploma that certified me to teach English. It was a mandatory course that I decided to do.

What happened after your experience in China?

While I was in China I applied again for Social Education at Via and when I came back I started attending university because I was accepted.

How is the bachelor?

In the beginning, it is exciting because you don’t know how is going to be because is a practical degree, you should use your personality, experience and you cannot hide behind a screen.

What subjects do you have?

We don’t have subjects; we just have modules with a theme. Right know is a theoretical knowledge and science-based approach and we learn how to use it. They explain to us how to use the theory in order to do our job.

How long is the degree? How are your exams?

Three years and a half. The exams are different from other degrees: we have the freedom to decide how we are going to do our exam paper, and the exam requirements change based on your tasks. The first exam that I did, I had to write a paper and then defend it. The last exam that I did before my internship it was also a paper that after that I had to defend it. We also had a group test, 3 or 4 people write a paper and then we had to defend it, most exams are like this.

What kind of internships do you do during your bachelor?

We have 3 internships through our education, and we don’t have to find our internship, because most of them are based in Horsens, in the public institutions. We are also paid for our internship, around 7000kr and we also get SU around 5000 kr. We work around 30 hours per week. During the internship, we go to school a couple of days where we go back to school and speak about our internship experience, the tasks that we need to fulfill during our internship and some new knowledge that we can apply. Then we go back to the internship. In 3 years and a half of degree, we have 3 internships: the first one is 7 weeks, the second and the third one are 6 moths long and we are writing our bachelor we have a 4-week internship.

Where did you have your internships?

I had a 6 months’ internship at Gedved, a city outside Horsens. I worked on the same side as you colleagues, you are still a bit under them because you are still under education and don’t have the same knowledge. I still had to do the same amount of work as them.

What are your job opportunities after you end your degree?

My degree is divided into 3 specialties, I am the group called dagtilbud/daytime institution, which is for kinder garden and nurseries, Skole-fritid/school and free time (kids after school have the opportunity to stay for more hours and play and have fun), and the third one Social-special is for people with special needs.

The degree is only in Danish?

Yes, and we have only one international student and she has been living in Denmark for 10 years and she speaks the language well and doesn't have any difficulties. All types of educations related to medicine, social science are taught in Danish because when you finish your degree and start working you can only work speaking Danish.  

What would you like to do in the future?

Right now I want to focus on my current education and then I will probably start working in order to understand what I want to do. In the future, I would like to work with kids with special needs like autism and other diagnosed kids.  











Read More
Ciao,

Oggi vorrei parlarvi della mia esperienza lavorativa, della quale vado fiera perchè anche se poca ho imparato tantissimo e questo lo devo alle persone fantastiche con le quali ho lavorato e tutto'ora lavoro.

La mia prima esperienza lavorativa è stato uno stage, durante la terza superiore in un albergo a Gallipoli. Sono voluta andare a Gallipoli perchè era lontano da Milano e volevo essere indipendente e sognavo di continuare l'estate a Londra a lavorare, ma le cose non andarono come previsto e passai il resto dell'estate a Milano. Ritornando allo stage, sono stata un mese in questa struttura ricettiva, assieme al mio migliore amico Fabio, entrambi eravamo stagisti alla reception. Purtroppo come spesso capita durante gli stage scolatici non abbiamo imparato molto ma ci siamo divertiti a abbiamo conosciuta la meraviglioda Gallipoli.

La prima esperienza lavorativa l'ho fatta all'EXPO, dove ho lavorato come hostess per il padiglione spagnolo. Sono stati sei mesi fantastici, nei quali ho maturato tantissimo, ho conosciuto persone simpatiche e non e mi sono divertita. Ho lavorato in gruppo con altri 30 hostess e stewards e anche se negli ultimi 3 mesi ero molto stanca, sono veramente contenta di aver lavorato all'expo. Sono riuscita a mettere da parte una bella somma di denaro e questo mi ha aiutato tantissimo con la partenza per la Danimarca.

la nostra selfie challenge e le 8 ore di coda del padiglione giapponese 



























Dopo EXPO ho fatto un altro stage curricolare gratuito ad un albergo di lusso nel centro di Milano. Nei 3 mesi di stage ho imparato qualcosina e posso dire che gli stagisti vengono trattati bene, nel senso che imparano il mestiere per bene e una volta concluso lo stage si può avere qualche possibilità di assunzione o si viene raccomandati ad altri alberghi che hanno posizioni libere. Dovetti lasciare questo stage sia perchè dovevo partire per la Danimarca.


durante il lavoro all'EXPO - energia al 20%
prima dell'inizio del turno di lavoro

Arrivata in Danimarca, non iniziari subito la ricerca del lavoro perchè avevo ancora i soldini dall'Expo ed ero impegnatissima con l'università e la scuola di danese. A dicembre, vidi un annuncio di lavoro nel settore del marketing dove veniva richiesta la conoscenza della lingua italiana a livello madrelingua e decisi di buttarmi e di candidarmi.
Tutto andò per il meglio e attualmente lavoro per Trendhim, azienda danese, come country marketing manager per il mercato italiano. Mi piace tantissimo il mio lavoro perchè lavoro con l'italiano, ho dei colleghi fantastici e sono libera di scegliere quando e dove lavorare.


Nella vita tutto capita un po' per caso un po' per fortuna e bisogna cogliere qualsiasi occasione e non smettere mai di imparare.

Vi auguro un buon inizio di settimana :)
Il team di Trendhim (come al solito sono nascosta dietro :) )


PS: nella foto ci sono anche i miei 3 capi, vi sfido a trovarli o a indovinare chi potrebbero essere :).






Read More
Ciao a tutti! 

Oggi vorrei presentarmi per bene partendo dalla mia esperienza scolastica e terminando con la mia esperienza lavorativa.

Per i primi 13 anni ho vissuto in Romania e ho iniziato il mio percorso scolastico a 7 anni. Ho frequentato 4 anni di elementari e dovevo frequentare 4 anni di medie in Romania, ma appena finito il terzo anno mi sono traferita in Italia dove ho frequentato la terza media.

Durante la terza media non ho avuto troppe difficoltà con la lingua italiana, dato che ero arrivata a giugno e in 3 mesi avevo imparato già a parlare l’italiano a livello base. La mia più grande difficoltà fu quella di imparare a suonare il flauto, tuttora non ne sono capace. Questo mi è costato un ‘capacità non raggiunte’ sul mio diploma di terza media, ma detto fra di noi penso che la prof di musica ce l’avesse con me, una volta mi ha fatto piangere dicendomi che mi avrebbe fatta bocciare, il tutto perché durante l’interrogazione di musica non azzeccavo manco una nota con quel benedetto flauto. 

Vorrei precisare che, prima di arrivare in Italia non avevo mai suonato uno strumento musicale e per me era uno strumento impossibile.
Fortunatamente mi sono diplomata, con buono, niente male tenendo presente che ero arrivata in Italia da un anno e che non conoscevo l’italiano prima di allora.

Dopo la terza media decisi di iscriversi a una scuola superiore che mi desse sia l’opportunità di iscrivermi in un futuro all’università sia l’opportunità di entrare direttamente nel mondo del lavoro, una volta diplomata.

Fu così che mi iscrissi al IPC Don Milani di Meda, istituto superiore Tecnico professionale, all’indirizzo economico. Durante i primi 2 anni ho studiato appunto economia e al terzo anno ho scelto di proseguire con l’indirizzo turistico. Tutto andava benissimo, ma quando ero in quarta superiore mi sono resa conto di voler continuare a studiare e ho iniziato a guardare le varie università, italiane e straniere. Fu durante questa ricerca che scoprii che in Danimarca le università sono gratuite e in lingua inglese. Sin d’allora ho continuato a sognare di andare a studiare in questo paese.

Mi sono diplomata con un bel 88, anche se potevo dare di più, ma ormai è andata così. E dato che non avevo né il diploma né il certificato di lingua pronti ho deciso di iscrivermi all’Università degli studi di Milano, magari mi sarebbe piaciuto il corso di laurea e sarei rimasta in Italia, almeno questo è quello che sperava mia mamma. Scelsi di frequentare Mediazione linguistica e Culturale, corso che frequentai per un anno. Del corso mi piaceva solo Storia e cultura ispanofone, le altre materie mi sembravano superflue, inutili e fatte male, con tanti libri da studiare e senza la possibilità di imparare niente di concreto. Per non parlare degli esami, dover studiare 3-4 libri per un esame di 15 minuti nel quale il docente o l’assistente ti fa 4-5 domande. Non mi piaceva niente e ogni giorno che ci andavo stavo male e avevo l’ansia e fu così che decisi di rinunciare.

In seguito trovai lavoro, ma questo ve lo racconto nella seconda parte J

L’anno scorso ho frequentato un corso Master finanziato dall’Unione Europea sul turismo, accoglienza e marketing. Il corso aveva una durata di 900 ore 450 delle quali di stage. Durante il corso ho scoperto una passione per il marketing, specialmente per il digital marketing e decisi che è ciò che volevo studiare.

L’anno scorso sono riuscita finalmente a fare domanda alle università danesi e fui accettata al corso di Marketing Management a Via University College. Attualmente ho appena concluso il secondo semestre e sono contenta della mia scelta.  

Questo è tutto, alla prossima J

Vi auguro una bellissima giornata!


Read More
Next PostNewer Posts Previous PostOlder Posts Home