Hi guys,


Today I am going to present you Robert, a Romanian Blues singer/songwriter who I met during the European Blues Challenge 2017 (Horsens, Denmark) in which he participated together with 20 other contestants. Unfortunately, he didn’t win, but his performance was awesome.

Hi, Robert, what are your studies?

I studied geography and cartography at the University of Bucharest and after that I studied GIS (Geographical Informational Systems) (as master degree studies) and right now I am a cartographer and a musician too. I perform as a musician only for passion because I really love the art of music and at this moment I can't afford to have a living from it, since the income is not enough, maybe because of the gender which I play.. You know, I'm singing ‘old time blues’ which is not so common in nowadays. 

When your passion for music did, started?

In 2009 while I was listening to ‘Jazz & Blues A La Carte’ show on the national radio broadcaster, they were playing an ‘old time blues tune’. I heard this singer who played this different kind of blues and that fascinated me. At that time, I was learning to play harmonica and I went to my teacher and told him about my discovery and I was surprised when he told me that the singer from the radio show was Vali Sir Blues Racila, which is a Romanian blues singer. Right now, I am considering Vali Sir Blues Racila as my untold mentor. During one of his concerts in Bucharest, I was introduced to him, by my harmonica teacher. Since then, I started to play the guitar more and more, I study more about the blues, about the roots of this music, developed my guitar technique and this is the beginning of Southernman Robbie, the blues preacher. 

What about your artist name what is its story?

I was born and I lived in a small southwestern Romanian town, where people know each other. In the first year of guitar studies, I get into a youngsters band and we were playing folk music. After a year I left the band and I established a new band in high school with some friends. The problem was that they never played a musical instrument, but they wanted to learn so badly so I teach them as much as I could. There was Dan D. (bass guitar), Cristi 'Al mic' (drums, percussion), Catalin (guitar). I was playing the lead guitar and vocals. I changed my name from Robi to Uncle Robbie from the South. I choose this name, because I was and I still am an uncle with a lot of great nephews (from my brothers and sisters), so I was like 'our southern uncle' for them. I had changed my name to Southernman Robbie when I moved to Bucharest and I felt that I need to make a change, since I change the music style that I was playing.

What happened after you discovered old blues?

In the first year, I was only going to concerts, learning and listening a lot of music and one of the receipt that was useful for me, was to understand what other musicians do. I also went to Vali Racila for a second time and I played for him a tune that I learned and he was pleased to hear it telling me that I'm following the right way, and that was a huge compliment coming from such a great artist.

In 2011, I left Bucharest and I moved to Vienna to change my life, looking for a better future for me as a musician. I started to play blues and I also had the chance to meet the biggest blues musician in Austria, Mr. Al Cook, I contacted him by email and he replied quite fast and he was happy to meet me. We met at one of the best blues bars from Vienna, named Louisiana Blues Bar. I listened to his music and we talk about our music, about how he started to play the blues. He invited me to his gigs not only to listen, but also to play and each time, he presented me as his friend from Romania. I played the blues for a while in Vienna, but life wasn't as I expected to be, so I moved to Northern Germany and I started to work as a ship builder. I lived there for a while and during the day time I was building ships, working hard and on the night time I was playing the blues for the shipyard workers. 

How did you find about the Blues challenge?

After I made my first album, which is signed with an Independent Label, I promote it. While I was travelling to promote it, I attended to the first edition of the ‘Focsani Blues Festival’. There I met again, my good friend Vali Sir Blues Racila and while we were having a conversation, a man approached us. That man, was AG Weinberger, a well-known Romanian blues musician. He told me about the blues challenge, about the competition and he propose me to be the Romanian representative for this year's edition. It wasn’t easy because it cost me a lot of money to come to Denmark, but in the end, I made it and I am so proud because I did it.

Why did you choose to leave Germany?

It is not that easy to live in a foreign country and more than that, I really like to be free. The freedom I was looking for, it was actually, right in front of me, back my home, so that's why I decide to go back my home and to preach the blues in there.

What are your dreams?

I have a lot of dreams, but one of the most important one is to move myself and live in the countryside, to get closer to the Mother Nature.

So, you don’t want to work as a musician?

Of course I want to do that, but right now I can't afford to do such thing, but I'm working hard to change this. Often I joke with my gal and I say to her that we have to win in the lottery and buy a house in the countryside, but the funniest thing is that we never buy a lottery ticket. I believe we should start doing that (LOL).

What advice would you give to young people that want to follow their passions?

I am not that wise to give advices, but what I can say to them is to be themselves and to believe in themselves. They can do whatever they want to, as soon as they believe in that thing. So break a leg!


just in case he will become famous, I already have a selfie :)


Hope you liked the interview and feel free to contact Robert, he is a great singer and an awesome person. I want to leave you with one of his songs and wish you a great day :)





Read More


Università e corsi di laurea


Se avete scelto la Danimarca come vostra meta per continuare i vostri studi, bisogna cercare con cura l’università dove volete studiare e ovviamente il corso di laurea che desiderate frequentare. Per fare ciò consiglio di andare prima sul sito ‘studyindenmark’ , dove potrete trovare tantissime informazioni di ogni genere, ma in questo caso cercate o un elenco delle università danesi oppure un elenco degli study programmes. Ad essere sincera non ho frequentato molto questo sito e tutte le info che raccolto per decidere a quali università fare domanda e a quale corso iscrivermi, sono state andando sui vari siti delle varie università.

Come ho accennato anche in precedenza in un articolo sul mio blog bisogna scegliere con cura anche la città dove andrete a studiare perché le spese che si devono sostenere per l’affitto variano da città a città e spesso ci sono grandi differenze. Per esempio a Horsens, la città dove vivo ora, l’affitto di una stanza va dai 250 a 500 euro mensili, invece a Copenaghen l’affitto va dai 600 euro in su per una stanza. Dovete prendere in considerazione anche il fatto che dovrete pagare anche un deposito che spesso equivale 3 mesi di affitto. Se non danneggiate nulla e se pulite l’appartamento una che ve ne andate, il deposito vi viene restituito per intero.

Ritornando ai corsi di laurea, consiglio di scegliere più di uno, anche a più università per avere più possibilità per essere scelti.

AP Degrees, Top-up Degrees, University bachelor Degrees

In Danimarca ci sono 2 tipologie di lauree che si possono conseguire:

·         Professional Bachelor Degree: questo tipo di corso di solito si trova nelle scuole di business e sono la somma di una AP degree (2 anni) e un Top-up degree (1 anno e mezzo). I corsi di laurea consistono in un insegnamento teorico combinato con partecipazione a seminari, studio in gruppo, e realizzazioni di progetti realizzati in gruppo. La laurea si consegue tramite la realizzazione di un progetto finale. Questa laurea prepara lo studente per un lavoro specifico e ovviamente permette la continuazione degli studi.
·         University Bachelor Degree: sono corsi di laurea che hanno un insegnamento basato più sulla ricerca e gli studenti hanno una conoscenza generica, ma talvolta anche specifica. La laurea si consegue sempre tramite la realizzazione di un progetto finale.

Documenti necessari

Per iscriversi alle università danesi si deve essere in possesso del diploma di maturità e di un certificato di lingua (laurea triennale nel caso volete fare domanda per un master). I certificati di lingua più richiesti sono TOEFL, IELTS e Cambridge. per quanto riguarda il livello di lingua bisogna guardare la sezione ‘Requirements’ relativa al corso di laurea che scegliete. Oltre a questi documenti vi potrebbero essere chiesti certificati specifici in base sempre al corso di laurea scelto.
Per quanto riguarda il diploma di maturità non necessita traduzione, a me non è stato chiesto di tradurlo.

L’iscrizione

L’iscrizione è gratuita e si fa online sul sito Optagelse. Bisogna registrarsi e si ha la possibilità di selezionare fino a 8 corsi di laurea ai quali iscriversi e si possono mettere in ordine di preferenza. Il sito è molto intuitivo e l’iscrizione è molto facile. I documenti si devono caricare su questo sito e le università ne hanno accesso. Solitamente si ha tempo fino al 5 luglio per cambiare priorità e caricare i documenti mancanti. Dopo esservi inscritti per qualsiasi dubbio contattate le università, rispondono molto in fretta alle mail e sono disponibili per chiarimenti. Dopo aver fatto domanda di iscrizione dovete stamparla, firmarla e inviarla alle università tramite mail.

Tempistiche

Ci si può registrare su optagelse a partire dal mese di gennaio/febbraio, ma attenzione alla scadenza perché per quanto riguarda gli studenti internazionali è il 15 marzo. Dopo questa data non potete più iscriversi a nessun altro corso di laurea. La risposta arriva alla fine di luglio, solo dall’università che vi ha scelto dalle altre università riceverete una mail che vi dice che non siete stati ammessi. Infatti una volta che un’università vi ha scelto, alle altre verrà comunicato e per questo riceverete questa mail di non ammissione. Le università iniziano solitamente nella seconda metà di agosto oppure a inizio settembre.
Spero di avervi fornito qualche informazione utile e vi auguro un in bocca al lupo se volete venire a studiare in Danimarca.

Vi auguro una bellissima giornata!
Read More
Ciao a tutti!

Oggi vi voglio presentare Marco che ha deciso di lasciare l’Italia alle spalle e seguire la donna che ama in Repubblica Ceca.


Ciao Marco, raccontami un poco cosa facevi in Italia partendo dai tuoi studi e lavoro.

Ciao! Prima di tutto vorrei specificare che sono toscano, nato e cresciuto in un piccolo comune della provincia di Arezzo, nella splendida vallata naturalistica del Casentino. Mi sono diplomato geometra nel 1999 e, dopo aver completato il servizio di leva e i fatidici due anni di tirocinio, nel gennaio del 2003 ho finalmente conseguito la tanto agognata abilitazione e mi sono subito iscritto all’albo, dando così inizio ad un’attività professionale che ho portato avanti per 13 anni.

Come mai hai deciso di trasferirti in Repubblica Ceca, e non hai cercato di convincere la tua compagna a rimanere in Italia?

Come si può facilmente immaginare non è stata affatto una decisione facile da prendere, ed è maturata nel corso degli anni. Inizialmente tutti davamo per scontato per vari motivi che sarebbe stata la mia compagna a trasferirsi in Italia, lei per prima era innamorata del nostro paese da sempre, tanto che già nell’annuario scolastico i suoi compagni di classe avevano immaginato per lei un futuro in Italia.

Penso che l’anno della svolta, perlomeno a livello mentale, sia stato per entrambi quello che lei ha passato in Erasmus a Firenze: l’Italia è un paese meraviglioso quando si tratta di passarci un periodo di vacanza, ma purtroppo vivendoci da cittadino ci si scontra molto presto con la realtà, che come sappiamo bene per moltissimi aspetti non è affatto edificante, tra burocrazia a dir poco kafkiana, carenza cronica di informazioni chiare, servizi molto spesso scadenti e un preoccupante livello di degrado all’interno della maggior parte delle strutture pubbliche, seppur con le dovute eccezioni.

Nel contempo, invece, io ho imparato a conoscere profondamente e ad amare come fosse la mia seconda patria un paese del quale fino a pochi anni prima sapevo davvero poco o nulla, e sul quale avevo io stesso per primo molti pregiudizi, ovvero la Repubblica Ceca.

È stato però il perdurare della crisi economica, che si è fatta particolarmente sentire nel mio settore, a darmi l’input definitivo per decidere di chiudere tutto, buttare alle ortiche i sacrifici fatti fino a quel momento per tirare avanti, dare un taglio netto con il passato e fare il grande passo di ricominciare la mia vita da zero!

Quale è stato il primo impatto che hai avuto con il paese? Ti sei ambientato subito?

Dopo ben sei anni che già frequentavo questo paese come si può facilmente immaginare l’impatto per me è stato molto smussato: oltre ad avere qui la mia compagna (e ovviamente la sua splendida famiglia) avevo già familiarità con la lingua, con gli usi e i costumi, con lo stile di vita e con il cibo. Resta ovviamente il fatto che è molto diverso l’essere qui in vacanza dal doverci vivere ogni giorno, ma mi sono subito ambientato bene.

Hai iniziato a cercare lavoro subito?

Più che a cercare lavoro direi che ho iniziato subito a progettare e poi concretizzare la mia nuova attività! Da anni gestisco un blog, Bighellonando, interamente dedicato alla storia, alle tradizioni e alla vita quotidiana in Repubblica Ceca e un sito web, Vivi Praga. Nel contempo avevo bisogno a livello psicologico di distaccarmi il più possibile dal mio lavoro e dalla mia esperienza di vita precedente, così quella di fare la guida turistica per italiani mi è sembrata la scelta più sensata.

Parli il ceco? Hai frequentato qualche scuola di lingua?

Capisco abbastanza il ceco e lo parlo per il momento quel tanto che basta per cavarmela nelle situazioni più comuni della vita quotidiana. È una lingua estremamente difficile e per impararla decentemente occorrono anni di “full immersion”, ma sto facendo progressi giorno dopo giorno. In ogni caso tutto quello che so l’ho imparato studiando autonomamente e cercando di utilizzarlo il più possibile nella vita quotidiana, specialmente nei rapporti con i parenti della mia compagna che non parlano nemmeno una parola di italiano!

Da quanti anni vivi nella repubblica Ceca e cosa fai al momento? 

Attualmente vivo in Repubblica Ceca da circa un anno e mezzo, sto portando avanti la mia attività di guida turistica e posso dire di non essermi affatto pentito di questa scelta!

Ovviamente gli inizi sono sempre un po’ altalenanti e i primi mesi non sono stati semplici, ma i contatti sono in costante crescita ed è una professione che mi sta regalando giorno dopo giorno delle grandissime soddisfazioni, specialmente a livello umano.

Oltre alla professione di guida ho iniziato anche ad insegnare l’Italiano in due scuole di lingue private, si tratta di un’attività secondaria, ma che mi ha dato l’opportunità di toccare con mano quanto ancora gli stranieri amino profondamente il nostro paese e la nostra cultura, una cosa che da italiano mi rende sempre molto orgoglioso.

Infine, oltre a portare avanti il blog, collaboro alla redazione della rivista bimestrale “CIAOPRAGA”, che si occupa di approfondire i legami tra la cultura italiana e quella della Repubblica Ceca ed è distribuita gratuitamente online tramite la piattaforma ISSUU.

Torneresti in Italia?

Potendo scegliere no, non tornerei a vivere in Italia.

Fermo restando che è e sarà sempre la mia patria, al quale sono molto legato, nel quale vivono la mia famiglia e i miei amici e della cui storia e cultura sono come tutti orgoglioso, qui ho ritrovato una serenità che in Italia avevo perso da davvero troppo tempo. Purtroppo, e lo dico con grande rammarico, a meno di non essere dei privilegiati o di avere delle conoscenze nei posti giusti, non credo che nel nostro paese esistano più le condizioni per poter vivere serenamente.

Che consiglio daresti a coloro che vogliono lasciare l’Italia?

L’ho già detto in altre occasioni e forse rischio di essere ripetitivo, ma il mio consiglio principale è sempre e comunque quello di aprire la mente! Abbandonare i luoghi comuni, cambiare abitudini, frequentare il più possibile la gente del luogo, accettare punti di vista e usanze diverse dalle nostre e soprattutto rispettarle, cercare di imparare almeno le basi della lingua del posto e non fare affidamento solo sull’inglese (o peggio ancora pretendere, non si sa in base a quale diritto divino acquisito, che siano gli altri a dover imparare l’Italiano), abbandonare ogni atteggiamento di superiorità in qualsiasi ambito e studiare il più possibile, migliorare se necessario la propria capacità di comunicare fluentemente in lingua straniera, documentarsi, farsi prima di tutto un’idea precisa del posto dove si stava pensando di andare a vivere e delle opportunità che offre, vagliare bene pregi e difetti (anche del proprio carattere), cercare di adattarsi alle novità e di mantenere un approccio mentale positivo!

Essere curiosi per natura è un innegabile vantaggio 😉.



Contattare Marco: info@vivipraga.eu
Read More


Ciao a tutti!

Durante la settimana scorsa per puro caso vidi sulla bacheca della mia pagina personale dell’università un annuncio che diceva ‘blues for free’ e allora presa dalla curiosità aprii l’annuncio. Nell’annuncio c’era scritto che a Horsens, dove vivo ci sarebbe stata la Blues challenge 2017 e se si voleva un biglietto gratis ci si poteva candidare come guida turistica per un artista.

Ho preso l’occasione al volo e mi candidai e fui scelta come guida per un giovane artista di nome Southernman Robbie, che ha rappresentato la Romania in questa competizione.

Alla competizione hanno partecipato 21 paesi tra i quali anche l’Italia e vi garantisco che ho passato due serate fantastiche anche se non è mia abitudine ascoltare il blues. I vari gruppi e cantanti erano veramente bravi e trasmettevano un’energia fantastica. Devo dire che ho avuto dei preferiti e la mia top 3 è:
1 Chris Kramer &Beatbox ‘n’ Blues provenienti dalla Germania, sono stati fantastici e hanno integrato alla perfezione il beatbox e il blues creando una simbiosi che era più che piacevole all’udito.
2 Southernman Robbie proveniente dalla Romania, che ha una voce molto versatile e nonostante un piccolo incidente ha continuato la sua performance come se niente fosse accaduto (durante l’esibizione Robbie suonava sia la chitarra che una piccola tromba, che sfortunatamente è caduta, ma lui ha continuato a riprodurre il suono nel microfono).
3 Kaz Hawkings Band provenienti dal regno unito, la voce della cantante ha spaccato, era potente, mi trasmetteva forza ed energia. Sono stati anche i vincitori della challenge.

Ho passato due giorni fantastici nei quali ho assistito a interpretazioni fantastiche di artisti veramente talentati, che trasmettono tantissime emozioni positive attraverso la loro musica.  

Ho voluto condividere quest’esperienza con voi perché l’ho trovata unica e presto pubblicherò anche l’intervista che ho fatto a Southerman Robbie.



Stay tuned J

Vi auguro una bellissima giornata! 
Read More

La Danimarca e tanti altri paesi europei come la Polonia, Scozia, Norvegia e Svezia offrono un’istruzione gratuita, ma ciò che molti non considerano è il fatto che solo le università sono gratuite. Infatti se non ci si informa e si fanno bene i conti prima di partire ci si può sbattere la testa contro una realtà non presa in considerazione.
Di seguito vi dirò 4 fatti riguardanti su cosa è gratuito e cosa no in Danimarca.

   Le università sono gratuite  

La Danimarca offre un’istruzione gratuita non solo ai cittadini danesi ma anche ai cittadini dell’unione europea, ai cittadini che vivono in paesi che fanno parte della SEE e ai cittadini svizzeri. L’iscrizione alle università è gratuita e dovete diffidare di agenzie che vi potrebbero chiedere dei soldi per iscrivervici.
Durante gli studi si fa accesso gratuito a software e programmi che sono essenziali per i vostri studi, come per esempio i pacchetti Microsoft office, java, e tanti altri e sono disponibili sulla vostra pagina personale dell’università.
Unica cosa a pagamento sono i libri, che costano parecchio. Tuttavia i professori spesso caricano sulla vostra piattaforma i capitoli da studiare oppure potete tranquillamente fotocopiarli. Un'altra alternativa è prenderli in prestito dalla biblioteca universitaria.
Spesso le università hanno una mensa ma questa non è gratuita.
Dentro le università ci sono aree dove si può dormire, durante i periodi di esame e sono disponibili dei bagni con docce. Molte università hanno anche un asilo nido anche esso gratuito.   

 Costo della vita

Anche se le università sono gratuite le altre cose no. Rispetto all’Italia il costo della vita è superiore, questo parò dipende dalla città nella quale desiderate studiare. La capitale, Copenaghen è la più costosa con affitti che possono sfiorare gli 800 euro per una stanza di piccole dimensioni. Dovete prendere in considerazione anche il deposito che si deve pagare quando si prende in affitto un appartamento.
Per quanto riguarda la zona peninsulare dello Jutland i prezzi degli affitti scendono ma ci sono sempre differenze abbastanza grandi da una città all’altra per esempio Arhus è molto più costosa rispetto a Horsens.
Gli alloggi per gli studenti spesso sono molto più costosi di un appartamento in affitto. 
Oltre all’affitto ci sono altre spese come internet e elettricità che pagate con 3 mesi di anticipo, quindi non vi spaventate se vi arriva una bolletta troppo alta, guardate con attenzioni quanti mesi dovete pagare.
L’acqua calda viene pagata come acconto, cioè una somma fissa ogni mese, poi a fine anno si fa il conguaglio, lo stesso vale anche per l’elettricità, ossia la somma da pare ogni mese è fissa.
Fare la spesa può essere costoso se non si fa attenzione agli sconti, gli alimenti più costosi sono la carne, i dolci, soprattutto il cioccolato e l’alcol. La frutta viene pagata al pezzo e una mela, una banana o una pera costano circa 26 centesimi al pezzo.

   Trasporti

Per quanto riguarda il trasporto in comune è più costoso rispetto all’Italia, ma se si è studenti si può richiedere una carta 'ung kort’ con la quale si ha un 50% di sconto sui mezzi di trasporto durante i giorni scolastici mentre nel weekend una percentuale minore. La carta non è gratuita e si devono pagare all’incirca 20 euro. Questa carta può essere utilizzata solo dagli studenti di età inferiore a 26 anni. 
Se volete usare la bici potete farlo perché le città danesi sono piene di piste ciclabili. Se volete comprarvi un’auto pensateci bene perché è molto costoso e potete pagare in tassa di registrazione 3 volte il valore dell’auto e altrettanto in assicurazione. Anche registrando la vostra auto costa lo stesso.

Corsi di lingua Danese

Anche se i corsi universitari sono in lingua inglese, per trovare un lavoro spesso la lingua danese è un requisito indispensabile. Il danese viene chiesto qualora il lavoro implichi un contatto con il cliente.
I corsi di lingua Danese sono gratuiti e si hanno a disposizione 3 anni per completarli. Inizialmente si fanno 250 ore di introduzione. - questa regola era valida fino all'anno scorso. 

I corsi di lingua danese sono a pagamento, si paga un deposito di 1250 corone danesi che dovrà essere pagato solo una volta. Nel caso in cui gli esami non vengono passati oppure non si raggiunge il limite minimo di presenze il deposito non viene restituito. 


Solo gli studenti che iniziano i corsi di danese nel 2017 sono soggetti a questa nuova regola. Coloro che erano già iscritti non sono soggetti al pagamento del deposito. 

Spero vi sia piaciuto 

Vi auguro una bellissima giornata!
A presto,
Georgia  


Read More



Hi guys!
I am not that short :)



Let me introduce you to Michal who came from Slovakia to Denmark to study about 4 years ago. He graduated from Via University College, Horsens in ICT engineering and currently he is studying Computer engineering at Aarhus University.   


How did you find out about Denmark?
I came to Denmark thanks to an agency, Interstudy, that came to my high school to promote the idea of studying abroad. Out of the options they presented us, I liked Denmark the most because the education is free, the salaries are great even for student jobs and I expected Denmark to be a safe country with fairly high living standards.They also mentioned the problem-oriented teaching, but I was not sure what exactly that means. People that studied in Denmark said it is better than in Slovakia, so I took their word for it.

How about Slovakia, have you thought of studying there?
I did think about Slovakia or Czech republic before I found out about Denmark. But after the presentation, I knew I want to go to Denmark. I started to look at many Danish universities that had IT courses and at the end, I was deciding between Copenhagen and Horsens. I chose the latter because I thought it will be more expensive to study in the capital. What I didn’t know is that it is actually easier to find a job in the Copenhagen.

How did you apply?
Through the agency that came to my high school. I paid them about 40 euros and they took care of all the documents needed for the application. The price also included the English language test needed for the application, since I didn't have any certificate at the time. I also knew that I had the possibility to apply for free but I chose the agency because they know the process, they take care of everything for me and If I wouldn’t be accepted, the agency would give me the money back.

When you came to Denmark did you find accommodation quickly?
I chose to stay at the university dorms, which was at the time the simplest but also the more expensive option. As soon as I had the chance I moved to a private apartment with two Slovak classmates because it was considerably cheaper.

What was the first impression about the university?
I had the chance to participate in the introduction days where the students from the previous semesters organized team building events for the new students. It was great because I get to know a lot of people also from other classes, which might be a bit harder from the beginning, because of the language barrier. When the classes started, I expected them to be very different from the high school, such as presentations in auditoriums and very professional relationships with the teachers. But actually the atmosphere was very relaxed in the classes, the communication with the teacher was very informal and they were very keen on helping individual students if they had any questions.
I really liked the teaching style, because it was very focused on the practicality of what we learned. We studied just the basic theory and as soon as possible we started to combine theory and practice to solve simple exercises and progress to more complicated topics.

What did the university provide you with?
All I needed was a laptop. The University provided us with all the necessary programs for the classes. Also, all the books were lent to us from the library for free, so we didn’t have to buy anything. Besides that, in the beginning of the first semester, we were assigned a mentor that introduced us to the university's facilities and was available for us in case we have any questions about anything.


How are the exams?
Most of the exams are oral. About 2 weeks before the exam they provide you with a series of questions, so you have time to prepare the answers. In most cases, it will be a short PowerPoint presentation, maybe with some example that you draw on the blackboard and explain. At the exam, you pick one question randomly and present your answer. We also did group projects, in which we had to write a report and present it. First as a team and then each of us answered some questions separately.

How did you maintain yourself during your studies?
At the beginning, my parents helped me a lot and after some time I found various temporary jobs thanks to the agencies that manage temporary workers. However, not having a car was a disadvantage for me. My friends and I did all sort of jobs such as packing fruits, working in warehouses or meat factories. Before the end of the 4th semester, I found a student job related to my studies and that made me able to pay all my bills and save a bit on the side, too.       

How about your internship where did you do it?
During the 4th semester, the teacher called an ex-student that works at Lego to help us with a project. He was impressed with my idea and told me to apply for an internship in his department at Lego. The interview went well and I started nearly immediately as a part-time student worker and proceeded with a full-time internship during the 5th semester. After that, I went back to being a part-time student worker until the end of my graduation.
I am very glad for having this opportunity because I was able to apply the knowledge from the university and I had the chance to work with exciting technologies such as computer vision and virtual / augmented reality.
Overall, I think the internship as a part of the study is an amazing thing because it gives you a real work experience, which is often what fresh graduates are lacking.

What about the master in computer engineering?
It is a bit of a long story. The Aarhus university is well recognized in the world, but I am not sure if it was the right choice for me. If I would find a great job opportunity, I would consider it instead of finishing the Master’s degree.


What are your job aspirations?

I would like to be a game programmer and I am also interested in computer graphics. But I would also love to travel in the near future, so I would like to find a job that it would give me the possibility to do both.




Hope you enjoyed reading this interview J
Read More

Mi chiamo Georgia, sono nata a Bucarest dove ho vissuto fino all'età di 13 anni e successivamente mi sono trasferita in Italia a Desio. L’anno scorso mi sono trasferita nuovamente, questa volta in Danimarca a Horsens, dove attualmente studio Marketing Management e lavoro sempre nel campo del Marketing.

Dopo questa breve introduzione vorrei spiegarvi come funziona il mio blog. Come potete vedere sarà incentrato sullo studiare all'estero, viaggi e interviste.
Nella sezione ‘studiare all'estero’ scriverò post riguardanti curiosità, informazioni utili e perché no darò anche qualche consiglio che magari avrei voluto ricevere anche io prima di partire.
La sezione ‘viaggi’ riguarderà ovviamente i miei viaggi e cercherò di illustrarvi le città che ho visitato finora e quelle che visiterò, magari raccontandovi qualche piccola avventura.
Farò anche delle interviste a studenti provenienti da paesi diversi che hanno voglia di raccontare la propria storia. Penso che questo sia il metodo più efficace per voi per ricevere informazioni. Cercherò di pubblicare le interviste in inglese e italiano e qualche volta magari anche in spagnolo. Se avete voglia di essere intervistati inviatemi un messaggio sulla mia pagina Facebook.

Vi prego di scrivermi se volete che io vi parli di argomenti specifici riguardante lo studio in Danimarca e cercherò di scrivere dei post dedicati.

Vorrei chiedervi di commentare anche i post che pubblico e di darmi le vostre opinioni in modo tale che io possa migliorare e possa offrirvi post di qualità.
Se faccio qualche errore, scusatemi, non sono onnisciente e se potete correggetemi. Dagli sbagli s’impara!

Se vi piacciono i post vi prego di condividerli sui vostri social e se volete mettete like alla mia pagina facebook dove scriverò ogni volta quale sarà il prossimo post e quando lo pubblicherò.

Vi auguro un bellissimo weekend!

Georgia J

Follow my blog with Bloglovin
Read More
Next PostNewer Posts Previous PostOlder Posts Home